Il primo ministro libico, Fayez Al-Sarraj, declina qualsiasi responsabilità sui maltrattamenti e sugli abusi cui sono soggetti i profughi in transito per la Libia e rilancia, accusando l’Europa di essere la vera responsabile della crisi in atto nel suo Paese e di non fare abbastanza per aiutare tanto il popolo libico quanto i migranti. 

In una intervista rilasciata al quotidiano spagnolo El Pais e riportata anche dal sito The Libia Address, Al-Sarraj ammette esplicitamente che nei centri di detenzione libici, come più volte hanno segnalato tante organizzazioni umanitarie, la situazione è disperata e le violazioni dei diritti umani sistematiche. La colpa però, sarebbe tutta dell’Europa che “dedica più risorse alla realizzazione di questi rapporti che ad aiutare la Libia a risolvere il problema”. 

Il primo ministro Al-Sarraj confonde le organizzazioni non governative che stilano queste relazioni con i Governi incaricati di disegnare una politica estera e di gestire le risorse economiche destinate ai Paesi terzi. 

“Ma perché l’Europa non sostiene i Paesi da cui provengono questi migranti? – ha dichiarato il primo ministro – Perché non trovano un posto per costoro? Magari integrandoli in Europa? Ai leder europei non importa nulla dei profughi che restano in Libia ma solo di quelli che sbarcano nelle loro coste! Dateci delle soluzioni, invece di limitarvi a stilare delle inutili relazioni!” 

Le “soluzioni” di cui parla Fayez Al-Sarraj, sarebbero naturalmente l’investimento di ulteriori risorse economiche nella Guardia Costiera e nell’esercito libico, attualmente impegnato a fronteggiare le milizie del generale Khalifa Haftar, l’uomo forte della Cirenaica, per il controllo dei depositi petroliferi. 

Alla domanda del giornalista de El Pais che gli chiede se ritiene la Libia un “porto sicuro” – che è la foglia di fico dietro la quale l’Europa può evitare di affrontare la questione dei recuperi in mare – Al-Sarraj evita di rispondere spiegando che “Stiamo cercando di fare il nostro meglio con le risorse disponibili” ma ammette la sua incapacità a dettar legge al suo stesso esercito. “Ora come ora, non è possibile disciplinare tutte le nostre forze armate e contenere il loro ricorso all’uso forza. Ma speriamo di riuscirci il primo possibile”.